Non giudicare un libro dalla copertina – Susan Boyle

Susan Boyle, 47 anni, si presenta ad un talent show inglese (Britain’s got talent) cantando una canzone difficilissima chiamata “I dreamed a dream” tratta dal musical “Les Miserables”.

[flashvideo file=http://upload.gorthan.com/susanboyle.flv /]

Sinceramente, non le daresti credito neanche a morire… Gia` andare a 47 anni ad un talent show e` strano; poi, non sei neanche tanto bella e quindi rischi di fare la figura della “macchietta”.

COL CAZZO! Appena ha aperto bocca, uno dei tre giudici ha cambiato COMPLETAMENTE espressione. Guarda caso il giudice e` Simon Cowell, il creatore tra l’altro di X-Factor.

I tre giudici poi, come in ogni talent show che si rispetti, hanno dato i propri giudizi:

Piers Morgan
Senza dubbio, questo e` stato il piu` bel premio che io ho mai ricevuto in tre anni di questo programma
Completamente shockante, una performance incredibile

Amanda Holden
Sono cosi` eccitata, perche` tutti erano contro di te (e si volta verso Simon). Io penso onestamente che siamo stati tutti cinici e questa e` stata la piu` grande “sveglia” che abbiamo mai avuto, e io voglio soltanto dirti che e` un grandissimo privilegio ascoltarti

Simon Cowell scherza un po’, cercando di recuperare la figura di merda fatta prima che lei iniziasse a cantare.

Pero`, quando alla fin devono dire se vogliono tenere Susan nel programma, i giudizi sono diretti:

Piers Morgan: Il piu` grande SI` che io abbia mai dato
Amanda Holden: Yes definitely
Simon Cowell: Susan Boyle, puoi tornare al village a testa alta, con ben tre SI`

Non c’e` che dire: il talento PAGA, anche quando l’immagine non aiuta molto.

I dreamed a dream

I dreamed a dream in time gone by 
When hope was high 
And life worth living 
I dreamed that love would never die 
I dreamed that God would be forgiving. 

Then I was young and unafraid 
And dreams were made and used 
And wasted 
There was no ransom to be paid 
No song unsung 
No wine untasted. 

But the tigers come at night 
With their voices soft as thunder 
As they tear your hope apart 
As they turn your dream to shame. 

And still 
I dream he’ll come to me 
That we will live the years together 
But there are dreams that cannot be 
And there are storms 
We cannot weather… 

 

I had a dream my life would be 
So different form this hell I’m living 
so different now from what it seemed 
Now life has killed 
The dream I dreamed

Una risposta a “Non giudicare un libro dalla copertina – Susan Boyle”

  1. L’ho vista proprio ieri, mi è spiaciuto tantissimo per come l’hanno trattata all’inizio ma si vedeva che lei era sicura di quel che stava per fare.. e infatti BAM! Li ha stesi tutti con una performance della madonna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *