I treni e le ostriche

Muoversi a Londra

Girare a Londra senza la metropolitana rasenta la follia. Conosco gente che è ancora ferma tra Victoria e Buckingham palace e che gira in tondo da settimane perché si ostina ad andare a piedi. Un pazzo.

Londra e metropolitana sono un connubio inscindibile, come il la pasta al sugo e il parmigiano, come Bologna e i gay, come la De Filippi e Costanzo.

Come tutte le cose Londinesi quindi, la metropolitana funziona da dio, ma costa un puttanaio di soldi (utilizzando un metro di valutazione oggettivo): 2 sterline a corsa.

Il che vuol dire che se vuoi visitare il museo di Madame Tusseau, andare a Buckingham Palace e poi vedere il Big Ben ti costa £6, più il ritorno a casa / albergo.

E qui ci viene in aiuto la signorina Oyster Card (carta Ostrica).

Per evitare i salassi finanziari di tutti i pendolari metropolitani, il comune di Londra ha istituito questa tessera che può avere varie funzioni:

– Tessera a scalare
– Abbonamento settimanale
Praticamente con questa tessera dotata di chip RFID i costi vengono drasticamente abbattuti, anche in caso di tessera a scalare. Infatti, questa tessera è utilizzabile innanzitutto anche sugli AUTOBUS e non solo in metropolitana, e ha un costo giornaliero MASSIMO di £4.80, oltre il quale puoi viaggiare “gratis”.
Il tour di prima quindi (M.me Tusseau, Buckingham Palace, Big Ben) costerà quindi “solo” £4.80, e ogni altro viaggio fatto nella stessa giornata sarà già “incluso” nel prezzo. Suona meglio, eh?

Ovviamente sto parlando di metropolitana nella zona centrale di Londra.

Londra infatti è divisa in 9 zone della metropolitana, partendo dal centro (zona 1) fino ad arrivare alla periferia più remota (zona 9).
Più si esce dalla città, più alto è il costo del biglietto, ovviamente. Ma con la Oyster Card le zone 1 e 2 si equivalgono! Pertanto uno come me può abitare in zona 2 e non farsi spennare dai servizi pubblici!

Poi beh è impressionante l’organizzazione strutturale dei trasporti pubblici di Londra. Tutto sempre in orario: autobus, metropolitane, treni: è spiazzante per uno come me, abituato alla realtà italiana.

Sono rimasto spiazzato anche da un’altra cosa: gli annunci fatti al microfono SONO COMPRENSIBILI! Anche da me.
Ora mi dicono che è cambiato, ma siete mai stati in stazione dei treni a Bologna, quando a fare l’annuncio c’era il signore che parlava con accento bolognese stretto? L’unica cosa che riuscivo a capire era “avviso ai viaggiatori”, poi il nulla – un insieme farfugliato di suoni alquanto incomprensibili anche per un madrelingua italiota.

Non c’è che dire, un altro mondo.

Vi lascio con una foto della stazione della metropolitana di Westminster (quella di fianco al Big Ben, per intenderci), nonché con la mappa completa della metropolitana londinese (la mia fermata è Canada Water, casella D7 sulla linea grigia).

3 risposte a “I treni e le ostriche”

  1. Devo dire che la mappa della metro di Londra un po’ mi spaventa, io adoro curiosare mappe e schemi dei trasporti ma questa ha davvero un DISASTRO di linee e fermate, che figata o_O
    Mi vengono in mente gli annunci della stazione della metro sotto Centrale a Milano.. cominciano tutti con “SERVIZIOOOo..” e poi c’è un farfugliamento in napoletano che non mi sono mai sforzata di capire. Gli annunci ai viaggiatori invece sono fatti con una vocina robotica di donna in stile “Eloquens”, una delizia.

    A guardare le foto sento profumo di detersivo per pavimenti, sembra tutto così assurdamente pulito. Ma i vandali dove sono?

  2. i vandali non ci sono. Ci sono telecamere OVUNQUE ergo chiunque prova a fare qualche danno viene tanato in 5 secondi.

    Inoltre, hanno tolto TUTTI i cestini del pattume per evitare problemi di attentati, ergo se bevi qualcosa devi portarti la bottiglia vuota fino all’uscita.

    Per il resto, la mappa è perfetta e fantasticamente utilizzabile. Semplicemente cerca la destinazione e chiedi ad un inserviente della metropolitana e ti dicono dove devi andare e quali cambi fare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *