12.000.000 di persone e sentirsi soli

Oggi, domenica, giornata turistica.

C’era una fantastica mostra alla National Gallery di Londra, ma secondo voi io ci sono andato? Ovviamente no: sai che palle?

Ho preferito fare qualche foto alla piazza, e poi spostarmi verso qualcosa di rilassantamente più consono a me.

Sinceramente… La piazza è bella, grande, con due grandi fontane piene di acqua PULITA (come potete vedere dalle foto), più o meno come la fontana del Castello Sforzesco a Milano. Successivamente ho scoperto che queste fontane vengono ripetutamente svuotate e pulite.

Vista la piazza, girata un po’, ho ripreso la mia metropolitana (vi ricordo che a Londra non ti muovi senza mezzi).

Finisco al fantomatico Speaker’s Corner, angolo nord-est di Hyde Park dove ognuno può dire la sua, avere i suoi 15 minuti di celebrità. Quello che non capisco invece è la mandria di pirla che li sta ad ascoltare… Per esempio oggi c’era uno che voleva, tra le altre cose, che legalizzassero il sesso con gli animali… bah…

Continuando il mio giro, mi siedo a Hyde Park in un punto non meglio precisato ad ascoltare musica e a leggere il giornale, guardandomi attorno alla varietà di persone che stazionano sul prato. Famiglie, fidanzati, amici, amiche, ragazzi più o meno boni che giocano a calcetto a torso nudo

Un’oretta di relax al sole e mi ero già rotto i ©©, e decido di andare a fare un giro per il resto del grande parco.

E’ disarmante come, tra 12.000.000 di persone, io mi sia sentito un po’ solo.

Yeah! Siamo (siete) corrotti!

<modalità Paolo Bonolis on>
     Italiani! Popolo del tubo catodico! Gioite! Siamo corrotti!!!
<modalità Paolo Bonolis off>

No, non sono impazzito. E’ solo uscita la classifica di Transparency International, una organizzazione internazionale che controlla, tramite vari indici, i gradi di corruzione delle nazioni mondiali. A queste dà un voto che va da 1 (peggiore) a 10 (migliore), passando per decine e decine di gradi.

Guardando la classifica, si scopre quindi che le nazioni meno corrotte sono la Svezia, la Danimarca e la Nuova Zelanda, mentre la più corrotta è la Somalia.

Onore anche alla Finlandia e alla Svizzera (quinte), al Regno Unito (sedicesimo), ai dannati cugini francesi (23esimi); dov’è l’Italia?

Per trovarla bisogna scendere fino alla posizione numero 55. Sì, non ho scritto male. CINQUANTACINQUE.

Mi dicono dalla regia che dall’anno scorso siam passati dalla posizione 41 alla 55: perché?

Per una maggiore diffusione “dell’abuso di pubblici uffici per il guadagno privato”. 

Ma và? Non è mai successo in Italia. MAI. Giuro!

Siamo dopo l’Arabia Saudita, la Botswana, e tutti gli altri stati europei tranne la Grecia. Roba da vantarsene, eh?

Anche Israele è prima di noi. Sarà per caso perché il suo primo ministro SI E’ DIMESSO PER FARSI PROCESSARE mentre il nostro primo ministro RESTA e fa di tutto PER NON FARSI PROCESSARE?
Sarà perché a capo della commissione antimafia in Italia c’era fino a poco tempo fa un condannato per corruzione?
Sarà perché in parlamento in Italia ci sono più di 75 condannati tra primo, secondo e terzo grado?
Sarà perché è proprio il primo ministro ad essere condannato in terzo grado ma non va in galera perché appunto è primo ministro e si è fatto fare una legge ad-hoc dai suoi avvocati (poi firmata dal signor Angelino Jolie Alfano) per rendersi immune?

Forse… Ma ora anche gli italiani che hanno votato Berlusconi sono immuni. IMMUNO DEFICIENTI. Acquisiti.

Fonte: Transparency InternationalTabella originale in XLS fornita da Transparency Italia